Top

Rilievi

Il rilievo architettonico è un’operazione volta a capire l’opera nella sua globalità; rilevare quindi significa innanzitutto comprendere l’opera che si ha davanti, coglierne tutti i valori, da quelli dimensionali a quelli costruttivi, da quelli formali a quelli culturali.

Occorre sapere prima ciò che si deve disegnare e tener presente che non è il prospetto, la pianta e la sezione, come immagini, a cui si vuol pervenire in prima istanza, ma quanto la rappresentazione dello spazio fisico, della qualità architettonica e le trasformazioni strutturali avvenute nell’opera stessa.

Il rilievo architettonico comprende due fasi distinte: una detta di campagna, in cui si raccolgono i dati; l’altra, da effettuare in un momento successivo, detta restituzione delle misure.

Si differenzia in:

  • Rilievo longimetrico, effettuato con I’ausilio di semplici strumenti di misura, quali il metro, le aste metriche, filo a piombo, ecc. e serve a misurare distanze.
  • Rilievo topografico, effettuato con I’ausilio di strumenti topografici, quali stazioni totali, tacheometri, livelli, distanziometri, ecc. e serve a misurare angoli e distanze.
  • Rilievo fotogrammetrico, quello effettuato con I’ausilio di macchine da ripresa, quali fotocamere, bicamere e di strumenti detti restitutori, che permettono di estrarre, dai fotogrammi di presa, informazioni atte a tracciare direttamente grafici dell’oggetto rilevato.

Progettazione

  • Studi di fattibilità.
  • Redazione pratiche edilizie (C.I.A., S.C.I.A., Permessi di Costruire, Accertamenti di Conformità, Autorizzazioni paesaggistiche, Vincolo Idrogeologico, Abitabilità/Agibilità).
  • Abbattimento barriere architettoniche.
  • Certificati prevenzione incendi.
  • Progettazione di interni.

Computi Metrici

Redazione di computi metrici estimativi è il documento con il quale si può definire il costo di costruzione di un’opera edilizia.
Il termine “estimativo” sta ad indicare che i dati del computo metrico vengono utilizzati anche per conseguire finalità di valutazione estimativa, cioè di individuazione del valore di quei beni per i quali non esistono dei prezzi di mercato univoci.
I lavori che compongono un’opera sono riportati nell’ordine in cui si susseguono per la loro esecuzione; pertanto, per le opere edilizie, è possibile attenersi al seguente elenco:

  • Lavori di scavo e movimento terra.
  • Opere strutturali.
  • Opere murarie.
  • Opere di finitura.
  • Opere in legno o in ferro.
  • Impianti tecnologici.
  • Spazi attrezzati.

Le unità di misura nelle varie categorie sono differenti in relazione al tipo di lavoro, considerando che le varie quantità di lavoro vengono sempre determinate secondo le loro caratteristiche geometriche; orientativamente possono essere seguiti i seguenti criteri: metro lineare, metro quadrato, metro cubo e peso.

Catasto

Redazione di pratiche presso Agenzia delle Entrate, sezione territorio (CATASTO) relative a terreni e fabbricati.

  • Recupero visure, schede rasterizzate ed estratti mappa
  • Ricerche catastali storiche ed istanze di rettifica
  • Ispezioni ipotecarie
  • Volture
  • Aggiornamento catastale per variazioni planimetriche.
  • Accatastamento immobili di nuova edificazione e/o ampliamenti.
  • Riconfinamenti e frazionamenti di terreni rustici e aree urbane.
  • Variazioni colturali.
  • Tipi mappali e frazionamenti

Direzione Lavori

Il Direttore dei lavori (DL) è la figura professionale scelta dal committente, in base alle opere da eseguire e al titolo professionale richiesto dalle normative vigenti per l’esecuzione di tali opere con lo scopo di seguire l’andamento regolare del cantiere.
I suoi compiti sono molteplici:

  • La denuncia al comune di riferimento dell’apertura del cantiere (se le opere ricadono entro determinate categorie, tale denuncia non è richiesta).
  • Principalmente ha il ruolo di dirigere una o più persone nell’esecuzione di specifiche opere volte a realizzare un progetto preventivamente approvato da un committente ed eventualmente approvato anche dalla Pubblica Amministrazione se soggetto a norme di legge vigenti.
  • La redazione dei SAL o, se redatti dall’impresa costruttrice, il controllo e l’avallo di questi ultimi (stato avanzamento lavori). Nei lavori privati le mansioni eventualmente svolte dal direttore dei lavori nel controllo dei SAL possono essere di natura quantitativa (computi delle opere eseguite) e non di natura finanziaria (accordi privati che possono essere riservati a committente – impresa costruttrice). Nei lavori privati, inoltre, salvo che non venga specificatamente contemplata nella lettera d’incarico, il rendiconto e controllo dei SAL viene generalmente svolta dal committente stesso o da un suo tecnico terzo di fiducia.
  • La vidimazione di eventuali modifiche tecniche migliorative del progetto.
  • La verifica della corretta esecuzione dei lavori.
  • La stesura dei verbali di riunione e di eventuali ordini di servizio.
  • Rapporti di audit di cantiere, eseguiti personalmente o affidati a terzi.
  • Il ricevimento, da parte delle imprese e di altri soggetti coinvolti nell’opera, di attestazioni di materiali e lavorazioni, relazioni e perizie.
  • Il rilascio di certificati come quelli di corretta posa in opera, di corretta esecuzione dei lavori o altri previsti dalla legge.

Coordinatore della sicurezza

Il Coordinatore della Sicurezza è la figura professionale che riveste un’importanza cruciale nell’ambito dei cantieri edili e, più in generale, dei ‘lavori di costruzione, manutenzione, riparazione, demolizione, conservazione, risanamento, ristrutturazione, rinnovamento o smantellamento di opere fisse, permanenti o temporanee, in muratura, in cemento armato, in metallo, in legno o in altri materiali.
Una figura chiave, con un  ruolo difficile e una “posizione intermedia tra il committente e il progettista, al quale spetta la prima e indispensabile pianificazione e organizzazione della sicurezza in cantiere”. E l’operato del coordinatore “richiede conoscenze sempre più specifiche delle tecniche costruttive, oltre che un continuo aggiornamento sull’evolversi normativo”.
Questa figura serve nei cantieri in cui è prevista la presenza di più imprese esecutrici, anche non contemporanea, il committente o il responsabile dei lavori, deve nominare il coordinatore della sicurezza.
La figura del coordinatore “si sdoppia in due”, Coordinatore della sicurezza in fase di progettazione (CSP) ed in fase di esecuzione dei lavori (CSE).

Consulenze

  • Consulente tecnico di parte (CTP).
  • Consuenze su risanamenti.
  • Redazione richiesta Certificati di destinazione urbanistica (CDU).
  • Redazione richiesta Autorizzazioni insegne/tende.
  • Redazione richiesta Autorizzazioni passi carrabili.
  • Redazione richiesta Autorizzazioni occupazione suolo pubblico temporaneo e/o permanente.
  • Redazione richiesta Allacciamenti Fognari.
  • Relazioni conformità urbanistica e catastale.
  • Tabelle millesimali.
  • Denunce di successione.
  • Redazione Preliminari di compravendita.
  • Redazione Contratti di locazione-affitto.
  • Assistenza rogiti notarili.
  • Assistenza aste immobiliari.